Stampa

Foto dall'alto di un paese colpito dal terremoto del 24 agosto 2016 - Fonte www.caritastarvisina.it

Forti scosse telluriche nella notte del 24 agosto u.s. hanno causato vittime e danni ingenti nelle province di Rieti, Ascoli Piceno di Fermo, in modo particolare nei centri di Accumuli (Rieti), Arquata del Tronto (Ascoli Piceno) e Amatrice (Rieti). La Conferenza Episcopale Italiana esprime vicinanza alle popolazioni colpite e stanzia 1 milione di euro dai fondi dell’otto per mille.

Caritas Italiana si è prontamente attivata per coordinare le azioni di sostegno.

La Chiesa che è in Italia – scrivono in un comunicato i Vescovi italiani – si raccoglie in preghiera per tutte le vittime ed esprime fraterna vicinanza alle popolazioni coinvolte in questo drammatico evento.”

Carita Italiana si è subito attivata con i suoi operatori sul posto per coordinare gli sforzi delle Caritas coinvolte e di quelle che hanno già offerto disponibilità ad intervenire da tutta Italia e anche dall’estero. In stretto contatto con i delegati regionali delle Marche e del Lazio, in cui ricadono i principali centri colpiti dal sisma, Caritas Italiana cerca di farsi prossima con il sostegno materiale, valutando in questa prima fase le esigenze che emergono nelle comunità provate dal sisma.

La Presidenza della CEI ha inoltre indetto UNA COLLETTA NAZIONALE, da tenersi in tutte le Chiese italiane il 18 settembre 2016, in concomitanza con il 26° Congresso Eucaristico Nazionale, come frutto della carità che da esso deriva e di partecipazione di tutti ai bisogni concreti delle popolazioni colpite.

È possibile fare un’offerta a Caritas Tarvisina (causale “Terremoto Centro Italia 2016”) tramite:

Per la deducibilità fiscale:

don Mario Salviato
Vicario per il coordinamento della pastorale

don Davide Schiavon
Direttore Caritas Tarvisina